La teoria dei bottoni nella stanza dei bottoni.

Ieri paventavo il timore che si arrivasse al Congresso dimenticando quel che è successo, e i motivi per i quali è stato convocato e il perché la dirigenza si è dimessa, i circoli si sono attivati ed indignati, è nato il movimento #occupypd.

Evidentemente sottostimavo la capacità tafazista del nostro Partito. Che in un pomeriggio rinfresca la memoria a quanto cominciavano a dire “ma sì, però, dialoghiamo, parliamo, vediamo.”.

Caro Epy, scusa la confidenza, ma la mattina dichiari che la vicenda giudiziaria di Berlusconi è separata dall’azione di Governo e Parlamento, compiendo un salto triplo carpiato per giustificare quel che in ogni altro Paese ti costerebbe la poltrona (allora la questione morale in questo Paese è andata definitavemente a farsi fottere? Basta dirlo, eh, ci si adegua); invece il pomeriggio il tuo (non oso dire il nostro) partito vota per una ingiustificata sospensione dei lavori Parlamentari, in segno di protesta contro la Magistratura, investendo quindi proprio Parlamento e Governo dei problemi giudiziari di Berlusconi: o siete matti o non so più cosa pensare.

Mi sembra ovvio che dopo questo inquietante segnale similmafioso, abbiate di fatto trasformato qualunque decisione della Magistratura in una sentenza politica: se verrà assolto, nei vari modi possibili, ad es. dichiarando che il processo in appello va rifatto per un cavillo, verrà accusata di essere succube del Potere; se verrà condannato, verrà accusata (al solito, ma con maggiore forza) di voler eliminare un avversario politico, ribellandosi al Parlamento, simbolo massimo della Democrazia. La serenità della sentenza, la tanto auspicata indipendenza della Magistratura, l’appena sbandierata separazione tra politica e guai giudiziari dell’ex premier, ve la siete giocata questo pomeriggio.

La famosa teoria della camicia abbottonata male, per cui se sbagli ad allacciare il primo bottone, anche gli altri saranno sbagliati ma solo il primo tecnicamente è un errore, i successivi solo una logica conseguenza dell’errore iniziale, mi pare calzi a pennello.

Il primo errore è stato allearsi con gli inalleabili. Che cosa ci si poteva aspettare, da quel punto in poi? Solo una serie di bottoni sbagliati.

Che a noi toccherà disfare, e ricominciare tutto da capo.

Senza di Voi.

Annunci

Un pensiero su “La teoria dei bottoni nella stanza dei bottoni.

La tua opinione mi interessa:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...