Un, due, tre – La fa il PD e puzzi te…

puzza

Riceviamo e simpaticamente condividiamo

A volte mi tornano in mente le filastrocche di quando eravamo bambini, ci prendevamo in giro e ridevamo di gusto per quelle paroline proibite che non si potevano dire ma erano così divertenti da pronunciare (già perché in verità il ritornello sarebbe un, due, tre caco io e puzzi te).

Mi tornano in mente perché mi sembra che sia l’atteggiamento messo in essere, oggi, dai vertici nel PD: l’hanno fatta bella grossa ma a puzzare sarebbe la base che manifesta dissenso, quelli che se ne vanno, chi non ci sta e dice no.

Puzza chi chiede che venga rispettato il primo articolo del nostro statuto (Il Partito Democratico affida alla partecipazione di tutte le sue elettrici e di tutti i suoi elettori le decisioni fondamentali che riguardano l’indirizzo politico, l’elezione delle più importanti cariche interne, la scelta delle candidature per le principali cariche istituzionali), puzza chi, esasperato, presenta le sue dimissioni (l’ultima Rossana Lamberti, proprio oggi), puzza chi contesta una vergognosa giornata come quella di venerdì scorso (gli occupyPD armati di pericolosissimi cartelli).

Non si sono ancora puliti bene ed hanno chiari i segni del malfatto, ma a puzzare siamo noi…

Se ormai non fossi grande e non avessi i capelli bianchi riderei come ridevo tanti anni fa.

Patrizia Cini
#occupyPD Roma

Annunci

La tua opinione mi interessa:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...