Tosto, Buccico, Santochirico, Viti… Se questo è il nuovo, aridetece i Borboni.

tw

Volevo scrivere un articolo per rispondere a quello di Tito Dimaggio di oggi, sul Quotidiano. Poi mi sono accorto che quell’articolo lo aveva già scritto Lucia Serino. E quindi provo ad andare oltre.

Si può criticare. Si deve, per crescere e migliorare. Fermo restando che alla favola per la quale una persona sola può cambiare il mondo, oramai non crede più nessuno. Ma in ogni caso, quando si afferma che “questo non va bene”, bisogna anche prendersi la responsabilità di dire cosa gli si preferisce. E lì è un po’ più difficile. Perchè siamo sempre tutti d’accordo nel voler risolvere un problema. Quel che ci divide, in famiglia, sul lavoro, nella politica, sono semmai le possibili soluzioni.

E quindi:

Non va bene Verri? Benissimo. Allora chi? Non scomodiamo Pitagora, per favore. E’ morto da un pezzo.

Non va bene Adduce? Meglio ancora. E quindi chi? Riesumiamo Francesco II e gli restituiamo il trono?

Siamo seri per favore. Che questo giochetto lo conosciamo già. E’ lo stesso che ci propinate da 30 anni: lui è cattivo, quello buono sono io; o se io non potessi, o non volessi, un amico mio. Usato garantito. Garantisco io! (Ah, allora stiamo a posto).

Basta!

Con tutto il rispetto, non siete meglio di nessun altro. I nomi che leggo, della fantomatica Allegra Brigata di Liberazione Materana, sono sempre gli stessi da trent’anni: Tosto, Buccico, Santochirico, Viti e tanti altri. Ma con che faccia venite a dirci “noi siamo il nuovo, l’alternativa?”. Alternativa a che, se state sempre lì da che portavo i calzoni corti e mangiavo pane di Matera e Nutella, pensando di brevettarne la formula e metterci su una fabbrica? Ma pensate ci sia ancora gente disponibile a credere a queste sciocchezze medievali? Forse i vostri vassalli, valvassori e valvassini. Ma la gente libera, no. Non ci crede più. E rimane fuori e lontana da questo sciocco giochino.

Ma non per voi, sia chiaro. Non sono i nomi, ci mancherebbe. E’ il metodo che non va. Qua vogliamo soluzioni: i problemi li conosciamo già; e anche troppo bene, essendoci dentro fino al collo.

La differenza tra una classe dirigente seria e responsabile, e una lamentosa e inconcludente, sta tutta qua. Puntare il dito su quel che non ci piace è troppo facile. Provate invece ad offrire una soluzione, ad indicare una prospettiva nuova e preferibile. O avete paura che il dito ve lo spezzino prima di poter dire B…?

Noi paura non ne abbiamo, e la nostra proposta di “cambiamento”, con la libertà e l’indipendenza che ci ha sempre contraddistinto, proveremo a metterla nero su bianco qui, dalle colonne di questo blog, e ad offrirla alla città. Partendo, però, dalla prospettiva che ci si è dischiusa tra le mani, dando merito a chi l’ha fatta nascere.

Perchè se c’è del nuovo, è qui. Voi, con rispetto parlando, siete acqua passata, che non macina più. Anche se, inspiegabilmente, per voi la ruota continua ancora a girare. E’ la nostra che è ferma da un pezzo. E ora che qualcosa, finalmente, si muove, non lasceremo che qualcuno, come sempre da 30 anni a questa parte, in Italia e soprattutto al Sud, provi a soffocarla; per un proprio, legittimo, ma inaccettabile, calcolo personale.

Perché non è la ruota mia, la sua, o la vostra.

E’ la ruota di tutta la città; che girando, ci muove verso il futuro.

Annunci

2 pensieri su “Tosto, Buccico, Santochirico, Viti… Se questo è il nuovo, aridetece i Borboni.

  1. enzo

    Articolo fazioso degno della peggiore stampa di regime non rispondo alle tue sciocchezze ma traspare chiara la tua sudditanza ad adduce il peggior sindaco degli ultimi 30 anni ha saputo solo creare una casta clientelare e riempire comune e comitato di raccomandati suoi sudditi

    Rispondi
    1. NC Autore articolo

      Esatto! In generale gli “oppositori” scrivono proprio un mucchio di sciocchezze come queste, senza produrre nulla. Grazie per la sintesi, davvero efficace. 😉

      Rispondi

La tua opinione mi interessa:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...